Attrezzi da pesca abbandonati e reti fantasma

Le attrezzature da pesca abbandonate, perse o altrimenti dismesse compromettono gli stock ittici, in molti casi danneggiano le comunità bentoniche presenti e costituiscono un pericolo per le attività di immersione subacquea e per le imbarcazioni in transito nell’area.

 

Reti e nasse abbandonate

Reti e nasse abbandonate sul fondo

(A.M.P. Punta Campanella  - Campagna di pulizia dei fondali 2016 -)                     Foto Immacolata Moccia

 

Reti e nasse abbandonate

Reti abbandonate su pareti rocciose. Purtroppo spesso diviene difficile se non sconsigliabile riportarle in superfice in quanto si andrebbe a danneggiare ancor più l'intero insieme di organismi animali e vegetali ivi presente.

(foto Guido Villani)


Reti e nasse abbandonate sul fondo

(A.M.P. Punta Campanella  - Campagna di pulizia dei fondali 2016 - )                   Foto Immacolata Moccia

Gli attrezzi persi o abbandonati in mare continuano a “pescare” inutilmente creando un notevole danno all’ecosistema. Sono inoltre un pericolo per la navigazione  oltre che per la sicurezza dei subacquei in immersione.


Questa è solo una piccola parte del recupero effettuato durante la Campagna di Pulizia dei Fondali del 2016 svolta in collaborazione con le forze dell' ordine e le associazioni ambientaliste presenti sul territorio.